chiesa di Domo

Luglio 2018

 

chiesa di Porto

 il Notiziario del mese

 Sezione Ragazzi

 Agenda Diocesana


La nuova Comunità Pastorale Castelveccana, Nasca, Porto e Domo


Ogni credente è missionario, sempre!

Mi ha sempre aiutato, nel mio cammino di adesione a Gesù nella quotidiana ferialità della vita di fede”, la testimonianza di tantissime famiglie che ho avuto il dono d’incontrare facendo con loro un “tratto di strada insieme”.
Sono stato testimone affascinato dei tanti “cambiamenti” che prima da sposi nella fede e poi, via via, alla nascita dei figli, le famiglie hanno vissuto nel loro crescere nella vita con i figli. E’ bello qui ricordare che la casa costruita sulla roccia (Gesù) offre sempre accoglienza e prospettive perché non cade sotto le “intemperie della vita, anzi.
La fedeltà di un genitore infatti è verificata sempre alla luce della quotidianità della vita che si radica sulla continuità della scelta d’amare.
Così, nell’adesione al loro personale progetto d’amore che li ha spinti ad essere sposi e famiglia, si manifesta la loro quotidiana vita missionaria.
La loro paternità e maternità infatti non può rimanere mai solo nella bellezza degli inizi, ma giorno dopo giorno è chiamata a vivere la missione del “camminare”, del “crescere”, per lasciare che loro stessi e i figli possano “aprirsi sempre più” alla loro vocazione.
A questa scuola d’amore quotidiano, fatto di gioie, fatiche, ansie e scelte a volte irrinunciabili, anche i figli impareranno ben presto il valore della loro vita come missione. Essa li porterà anche ad uscire dalla stessa famiglia, non per abbandono, ma per dare il proprio volto alla loro vocazione di credenti.
Mi sembra anzi di poter proprio dire che, grazie anche a dei “distacchi” necessari dalla famiglia, s’impara, come figli, a dare continuità e personalità all’amore che abbiamo ricevuto.
Il vivere in “missione” è quindi la necessaria manifestazione dell’amare vissuto quotidianamente.
Così ogni madre e ogni padre impara a farsi “discepolo missionario” per il “cammino sia di coppia che dei suoi figli” per educarsi ed educare alle scelte d’amore da cui è nata la loro missione di sposi.
Sappiamo bene che il quotidiano non è mai ripetitività, ma sempre un’esperienza che ci porta oltre quello che ieri avevamo vissuto.
Tutto questo la vita familiare lo esprime e lo insegna proprio nel suo dinamismo missionario che diventa patrimonio di vita dei figli nelle loro specifiche vocazioni. Coloro che credono hanno la certezza che il loro “camminare insieme” è partecipazione e testimonianza dell’amore stesso di Dio per se stessi e per il mondo.
La vocazione dei “figli” si nutre così dai primi istanti di vita della missione d’amore che gli sposi hanno accolto e che continueranno a vivere diventando sempre più famiglia che si esprime come missionaria. Credo così di poter tranquillamente affermare che ogni “missione” è sinonimo dell’amore sponsale perché la sua concretezza sta nell’aprirsi all’altro per vivere “cammini di comunione” in particolare “con i più piccoli e con i più poveri”.
Tutti ricordiamo a memoria le parole di Gesù che, di fronte ad una domanda dei suoi discepoli sul futuro di chi accoglierà la missione per amore, rispose allargando lo “spazio” della comunione con la famosa testimonianza: “Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna.”
“Riceverà cento volte tanto”.
Desiderare di essere missionari non è più allora l’avventura di qualche “iniziato”, ma la normale scelta di ogni credente.
E’ importante che la missione, come Gesù l’ha donata, anche attraverso la famiglia, rimanga sempre la prospettiva base su cui costruiamo la nostra vita.
Per questo non possiamo mai sentirci arrivati, anzi, ogni giorno ci troverà, pur negli “acciacchi” della vita, disponibili a “camminare” perché l’amore al prossimo è, nell’amore di Dio donato ad ogni persona, il DNA della vita.
Il cristiano sa che la missione non è una tra le tante scelte possibili della vita, ma è il “carburante” della quotidianità per la sua stessa vita di credente.
E’ bello sapere, che per grazia divina, il vivere come “missionari nel quotidiano” non avrà mai limiti d’età, ma ad ogni età l’amore di Dio farà della nostra vita un cammino di accoglienza piena del Vangelo vissuto come “pane quotidiano”. L’importante è non fermarci mai solo a noi stessi, ma lasciarci sempre spingere dal dono personale della grazia divina.
E’ questa la vera parabola della vita che Dio ha messo in ciascuna persona e che il credente manifesta vivendo i due fondamentali comandamenti della sua fede: “ama Dio e ama il prossimo come Lui ama te”.
Per questo il discepolo di Gesù si percepisce “sempre in cammino” e mai come “finito” o in “pensione”. Dentro ogni stadio della sua vita sarà consapevole, per la fede che pone nel Padre, di poter vivere la sua missione d’amore fino a sfociare nella gioia eterna del Paradiso e Dio sarà, come dice san Paolo, tutto in tutti(1a Cor.15,28).

don Ervé

La lettera pastorale dell'Arcivescovo per il 2018-19

clicca qui!


Il Sinodo minore 2018

per saperne di più, clicca qui



Il restauro del Battistero di Domo

e la presentazione del progetto




Novità inserite nel sito, aggiornamenti...

2018

La nuova Agenda Diocesana da luglio 2017 a luglio 2018, clicca qui

Il Vangelo delle Feste per i bambini (testi e disegni): dal sito della Diocesi, clicca qui


Il Calendario dell'Unità Pastorale per il 2018: clicca qui


26 giugno, il notiziario di Luglio 2018

14 luglio, le foto della Festa di Domo 2018

26 giugno, le nuove puntate dell'itinerario biblico

26 giugno, la nuova rubrica sulla Cucina dei Santi

11 giugno, il 40° di ordinazione di don Ervé

30 maggio, la nuova scheda storica dai nostri archivi

10 marzo, la conversazione su Giona e il Dio del perdono

05 febbraio, le nuove schede delle cappelle ed edicole votive

22 gennaio, il calendario del Corso per fidanzati


E' stato completamente rivisto lo spazio dedicato alla storia delle parrocchie di Porto e di Domo; sono state realizzate le schede storiche di ciascuna chiesa e l'inventario delle cappelle ed edicole votive in via di completamento.

Si possono vedere le foto di ciascuna chiesa in fotogallery ulteriormente arricchita.


Se desiderate ricevere gratuitamente sulla vostra casella mail:

il Calendario 2018, il Notiziario Mensile

o volete essere aggiornati sulle attività dell'Unità Pastorale, potete richiederlo scrivendo a

info@parrocchiaportodomo.it

 

"Il nostro impegno di portare il Signore
nelle Case di tutti non cessa mai!"

Cari Amici e Amiche, vi preghiamo di segnalare

- a Don Hervé (tel. 348-9192640)
- al diacono Luca (tel. 371-1276098)
- alla Signora Iva, per Porto (tel. 0332-548861)
- al Signor Ezio, per Domo (tel. 333-5260138)


le persone malate, anziane o comunque con problemi di mobilità che desiderano ricevere la Comunione nella loro abitazione.
Noi contatteremo gli interessati o i loro familiari concordando le modalità in dettaglio. Grazie!
…E non dimenticate di segnalarci anche coloro che sono ricoverati in ospedale o alle case di riposo!
Grazie per la vostra collaborazione!

per non dimenticare...

Come molti avranno notato, stiamo raccogliendo e pubblicando sul sito web della nostra Unità Pastorale fotografie e ricordi dei parroci e dei sacerdoti di Porto e di Domo, per conservarne la memoria e riproporre la loro figura al ricordo di tutti. Sono anche ricordate altre figure di sacerdoti legati alle nostre parrocchie.

Vi chiediamo la disponibilità a prestarci eventuali foto, immaginette, ritagli di giornale, testi, ricordi, in vostro possesso, che fotograferemo e prontamente vi restituiremo. Il materiale ricevuto sarà pubblicato sul sito web o utilizzato per eventuali attività culturali delle nostre parrocchie.

Grazie a tutti per la collaborazione!


CONTRIBUTI E OFFERTE PER RESTAURI E LAVORI

Chi volesse contribuire alle spese per i lavori eseguiti o in programma può farlo tramite bonifico bancario su uno dei seguenti conti della parrocchia:

PARROCCHIA DI PORTO
IBAN IT56 D033 5901 6001 0000 0122 758
causale: ....

PARROCCHIA DI DOMO
IBAN IT82 X033 5901 6001 0000 0122 760
causale: ...

Le offerte per le sole opere di restauro autorizzate dalla Soprintendenza sono deducibili dalle tasse richiedendo l'apposita attestazione in Parrocchia.